SUMMER OPEN SEA KAYAK EXPEDITION...

Fin dalla prima volta che ci siamo avventurati sul Mar Egeo, abbiamo fantasticato di pagaiare per un lungo periodo tra le sue innumerevoli isole... senza avere l'assillo di dover finire nel tempo a disposizione quello che ci eravamo prefissati.
Ora questa aspettativa si è concretizzata: il viaggio inizia a fine giugno con un biglietto di sola andata...
Quando avremo finito le Isole Cicladi... torneremo a casa...
Tatiana e Mauro

Please use the translator on the left.
We're paddling most of the day and we don't have enough time to translate every single post...
We're confident you understand our position!


mercoledì 1 novembre 2017

Due viaggi in due giorni

Toni è sempre stato un grande amico con cui abbiamo condiviso molti bei momenti, in kayak e nella vita. Ci ha sempre legato una forte passione per il kayak da mare ed è da tempo che speriamo di riprendere a pagaiare insieme.
Presso la sede torinese dell'Associazione Nazionale Marinai d'Italia, Toni ha saputo negli anni dare vita al circolo Qajait, un vivace centro di formazione per il kayak da mare, unico nel suo genere in una città lambita dal più grande fiume d'Italia ma molto distante dal mare.
Toni è infatti un istruttore qualificato e motivato, tanto da riuscire sempre a coinvolgere decine di allievi nelle sue numerose uscite didattiche. E' anche un profondo cultore della storia della marineria italiana, un'attenta sentinella ambientale lungo gli argini cittadini del fiume Po ed anche uno dei più lungimiranti tessitori di un dialogo proficuo e costruttivo con le varie entità della Guardia Costiera, in Italia e non solo.

La consegna della graditissima targa ANMI!
L'inizio della presentazione...
Gli amici presenti in sala...
Una delle fotografie condite di aneddoti di viaggio,,,
La lettera di presentazione della giornata che ci ha molto emozionato!

Tra le tante manifestazioni che prendono vita sotto la sua infaticabile guida, è stata inserita anche una mattinata di presentazioni dei nostri ultimi due viaggi in kayak da mare lungo le coste greche, quello del 2016 alle Isole Cicladi e per la prima volta anche quello del 2017 alle Isole Ioniche e al Peloponneso.
E' stato con grande piacere che abbiamo accettato il suo invito a Torino, ma non avremmo mai potuto immaginare che l'accoglienza sarebbe stata tanto calorosa ed emozionante: non solo abbiamo trascorso una lunga serata rilassante a chiacchierare del nostro prossimo futuro ma abbiamo anche riempito la mattina del sabato con una serie di incontri interessanti con vecchi e nuovi amici di kayak.
Toni ci ha poi sorpreso ancora una volta con l'omaggio davvero fuori dal comune del Cres dell'ANMI di Torino, oltre che con una lettera di presentazione che ci ha fatto molto piacere... Le fotografie dei viaggi sono state proiettate per un paio d'ore tra le domande del pubblico, che sono continuate anche durante il pranzo nella sala di rappresentanza del circolo, affacciata sul fiume, illuminata dal sole e riscaldata dal sorriso dei presenti...
Una giornata molto speciale di cui ringraziamo ancora una volta il nostro caro amico Toni!

sabato 21 ottobre 2017

Il viaggio alle Cicladi sbarca sull'isola di Minorca

Siamo stati invitati a presentare il nostro viaggio alle Isole Cicladi a Minorca.
La serata è stata organizzata da "Menorca en kayak" nell'ambito delle "XII Jornadas de Menorca en kayak" con il sostengo del Consiglio Insulare di Minorca e della Fondazione Rubiò Tudurì, presso la cui biblioteca si è svolta la presentazione durante la serata di sabato 14 ottobre 2017, giusto a conclusione del periplo dell'isola di Minorca compiuto da 24 partecipanti di varie nazionalità, età ed esperienze.
E' stato quindi particolarmente emozionante per noi parlare di fronte ad una platea tanto numerosa e tanto competente. Per giunta dopo aver tenuto il corso 3* BC nel corso del fine settimana precedente.
Avevamo già avuto la fortuna di presentare al pubblico minorchino alcuni dei nostri viaggi a zonzo per il Mediterraneo, compreso quello per noi più ventoso all'Isola di Creta nel 2010. Il vento è diventato il vero protagonista del viaggio alle Isole Cicladi e siamo stati molto contenti di condividere la nostra esperienza con altri pagaiatori altrettanto appassionati ed esperti.

La locandina delle XII Jornadas de Menorca en kayak... 
L'introduzione della serata da parte di Maria Teresa di Menorca en kayak
Sul bancone della biblioteca il kayak estratto a sorte al termine della serata!
Le risposte alle varie domande al termine della presentazione...
La foto-ricordo con gli invitati alle Jornadas: io tra Sergi Basoli e Nirvana e Arkaitz Erkiaga!

Mauro ed io abbiamo cercato di spiegare nel nostro spagnolo ancora zoppicante quel che ci è accaduto nel corso dei cinque mesi di viaggio intorno alle 32 isole greche sparpagliate nel Mar Egeo. Le 140 fotografie selezionate sono state commentate nel corso di un'ora scarsa e poi sono seguite alcune domande, tra cui una di Sergi Basoli, che a sua volta aveva presentato il suo viaggio "Rumbo Mediterraneo" giusto il sabato precedente: "Perchè non avete usato una vela?" - "Perchè il Meltemi è sempre così forte che tu stesso diventi una vela!".
La serata si è conclusa, come era del tutto prevedibile, al ristorante, tutti seduti di fronte a degli abbondanti piatti di carne, di pesce, di verdure e di manicaretti tipicamente minorchini. La conversazione è quindi continuata anche in birreria, spostando l'attenzione dagli aspetti più tecnici a quelli più personali del viaggio alle Isole Cicladi.
Ringraziamo M.Teresa e Carlos di "Menorca en kayak" per aver pensato al nostro viaggio per concludere la dodicesima edizione delle "Jornadas de Menorca en kayak". E ringraziamo anche tutto il gruppo di partecipanti, sia del periplo in kayak che della presentazione serale, per essere stati tanto accoglienti, calorosi ed amichevoli. Hasta pronto, Menorca!

martedì 25 aprile 2017

Panoramica delle Cicladi...

E niente: è difficile smettere di pensare alle Isole Cicladi...


Anche se a giorni partiamo per le Isole Ioniche ed il Peloponneso...

domenica 16 aprile 2017

Alcuni poster del viaggio...

Siamo oramai in procinto di partire per il prossimo lungo viaggio estivo lungo le Isole Ioniche e intorno al Peloponneso ma non riusciamo ancora a stancarci di parlare del + presentare il + pensare al viaggio straordinario che ci ha portato ad esplorare le Isole Cicladi la scorsa estate.
Complici le varie serate di presentazione a cui siamo stati invitati ed i tanti aneddoti legati alla navigazione in kayak, non abbiamo ancora del tutto elaborato l'esperienza vissuta così intensamente pagaiando tra le isole del Mar Egeo. E continuiamo, nei ritagli di tempo, a ricordare ancora quella lunga luna di miele, con un gioco che ci consola un poco del fatto che il viaggio sia ormai finito...


Abbiamo racchiuso in tre "poster" di viaggio alcune delle immagini ai cui ci sentiamo più legati.
Innanzitutto le sabbie calde e policrome che abbiamo incontrato su ogni spiaggia, dalla granulometria sempre differente che avrebbe fatto impazzire di gioia ogni appassionato di sabbie.
Poi le tante carte turistiche che abbiamo usato durante il viaggio, accompagnate sempre dal tormentone con cui le abbiamo singolarmente pubblicate sul blog: "Dopo avere messo piede sull'isola precedente, passiamo ad esplorare quella successiva".
Infine le innumerevoli chiese ortodosse, bianche e varie, che ovunque stagliano il loro profilo netto contro il cielo blu delle Isole Cicladi... Le nostre personalissime cartoline greche!

martedì 11 aprile 2017

Mappe e blog aggiornati, finalmente...

Siamo rientrati dal viaggio ormai diversi mesi fa ma, come spesso accade in questi casi, non avevamo ancora trovato il tempo per sistemare le cose nel modo in cui avremmo voluto...
Abbiamo iniziato con il riporre tutta l'attrezzatura da kayak e da campeggio, cosa che normalmente ci richiede diverse settimane, sia perché siamo un po' maniacali nella cura delle nostre cose e sia perché nel frattempo non abbiamo rinunciato alle uscite in kayak e quindi i tempi si sono dilatati ancor di più. Abbiamo poi dedicato la giusta attenzione al materiale fotografico raccolto durante i mesi di viaggio per organizzare delle presentazioni che avessero un filo conduttore. Abbiamo infine riletto il diario di viaggio e sistemato tutte le mappe usate in navigazione: il lavoro più gratificante e al tempo stesso più malinconico...

Al lavoro sulle carte delle varie isole e sulla mappa generale del viaggio...

E' stata poi la volta del blog: abbiamo inserito i link nei vari post ed abbiamo anche suddiviso i vari post in argomenti differenti, così da offrire una più facile consultazione del blog stesso.
Abbiamo così raccolto in uno stesso argomento tutti i post dedicati alla stessa isola, oppure alla preparazione del viaggio o ancora al rientro a casa e persino all'attrezzatura che abbiamo scelto di portare con noi in viaggio. Anche questo lavoro certosino, che ci ha preso un paio di giorni, ha suscitato emozioni contrastanti: da un lato la soddisfazione di aver concluso il viaggio così come lo avevamo da tempo programmato, e dall'altro il dispiacere di aver dovuto concludere un viaggio che sembrava non voler finire mai.
E che forse non è ancora finito: dovremo sospendere le presentazioni del viaggio alle Isole Cicladi per il tempo del prossimo viaggio estivo ma le riprenderemo non appena rientrati, al principio dell'autunno, con date già concordate e da concordare in varie località non solo italiane (Torino, Genova, Roma, Latina, Cagliari, Palermo e Minorca)... insomma, continueremo ancora a parlare e a sognare delle Cicladi!

sabato 8 aprile 2017

La presentazione a Peveragno, ospiti del ristorante Il Tucano

Ieri sera siamo stati ospiti del Ristorante Pizzeria Il Tucano di Peveragno.
Calato in un ambiente da cartolina, alle pendici delle cime ancora innevate delle Alpi Marittime, tra colline di un verde lussureggiante punteggiato di tutti i colori di una primavera prorompente, il piccolo paesino di Peveragno è famoso per la coltivazione delle fragole, tanto che spuntano serre delle dimensioni più varie anche nei giardini delle villette a due piani, sistemate con estrema cura tra aiuole di tulipani in fiore e stupefacenti collezioni di castelli di pietra in miniatura e cani e gatti in libertà e galline paffute e persino uno stagno coi pesci rossi.
Siamo rimasti subito affascinati dal luogo, dalla luce e dalla piccola e curata dependance in cui siamo stati accolti per la notte. Ma ancor di più dal ristorante in cui siamo stati invitati a presentare il nostro ultimo viaggio alle Isole Cicladi.

La locandina della serata sistemata sulla libreria all'ingresso del ristorante
Il volumetto di Valentina Salvatico in bella mostra tra gli altri libri del book-crossing
Mauro accanto a Giuseppe ed Alice in abiti professionale
Le prime battute di introduzione
L'atmosfera rilassata e familiare che si è subito instaurata!

Alice e Giuseppe gestiscono da anni un locale ricco di storia, arte ed inventiva, che trasuda sia dalle pareti rivestite di opere su legno e rame che soprattutto dalle portate che escono dalla piccola cucina: abbiamo assaporato piatti semplici ma gustosissimi, preparati con una cura che lascia trasparire una passione che nobilita il lavoro ai fornelli.
La stessa passione che Giuseppe ha trasferito in kayak: ha accolto il discreto manipolo di sognatori e viaggiatori in una delle sale interne del ristorante, in cui era stato sistemato un proiettore preso a noleggio, visto che il locale NON è provvisto di televisione (particolare che noi abbiamo molto apprezzato!). Alle pareti erano state esposte anche le tavole originali di un bellissimo libro illustrato di Valentina Salvatico che mi sono affrettata ad acquistare e a leggere d'un fiato: un viaggio da sogno tra mare, cielo e libertà. Compratelo e diffondetelo: merita davvero!
La serata è volata via tra chiacchiere, domande e risate ed è stato molto bello conoscere finalmente amici virtuali con cui eravamo già da tempo in contatto sui social network.
E' stato il modo migliore per concludere questo primo giro di presentazioni: al rientro dal viaggio del 2017 ci aspettano ancora degli incontri a Torino, Genova, Roma, Latina, Cagliari e Palermo, per un viaggio nel viaggio che sembra non voler finire mai!

venerdì 7 aprile 2017

La presentazione a Erba, ospiti dell'Opificio Zappa

La presentazione di ieri sera ad Erba è stata un piccolo successo: tutto merito di Marco Ferrario, ideatore della serata ed instancabile promotore dell'evento. Ha contattato tutti i circoli di canoa del circondario, ha inviato comunicati stampa a tutti i giornali della zona e ha coinvolto tutti i ragazzi del circolo culturale OZ. Nonostante fosse un giovedì sera, hanno partecipato numerosi appassionati di canoa (da mare e non solo) e molte persone incuriosite tanto dal lungo viaggio in Grecia quanto dal nuovo spazio espositivo.
Siamo stati ospitati nella grande sala d'ingresso dei locali da poco restaurati dello storico Opificio Zappa, un centro culturale gestito da un gruppo di attivissimi ragazzi di Erba che animano di vita nuova i vecchi ambienti della filanda, organizzando mostre d'arte, serate musicali, incontri a tema, ma anche Co-work e Co-Study e bar e sala di registrazione e laboratori artigiani e tanto altro ancora.

Lo spazio espositivo all'ingresso dell'Opificio Zappa
Marco Ferrario introduce il filmato di Danilo Tulone tra due quadri di Carlo Pezzana
Una delle 140 foto della presentazione
La girandola colorata e la bandiera italiana alla fine del viaggio...
Le millemila attività del circolo culturale Opificio Zappa

Presentare il viaggio in questa cornice è stato per noi molto emozionante.
La serata è stata introdotta dai ragazzi del Circolo OZ che hanno fatto gli onori di casa guidando gli ospiti in una visita ragionata dei vari spazi dell'opificio, oggi restaurati ed aperti al pubblico.
Poi è stata la volta del filmato realizzato da Danilo Tulone sui viaggi in kayak vissuti con Marco Ferrario sui laghi del nord-ovest e con Silvio Costa lungo le coste siciliane e meridionali.
Infine, è arrivato il turno delle nostre foto di viaggio e, benché le chiacchiere siano durate quasi due ore, il folto pubblico è più volte intervenuto con domande curiose sugli aspetti più vari (cosa avete scritto nel diario, quante miglia al giorno pagaiavate, qual'è l'isola più bella e via dicendo).
L'amico Luciano Belloni ci ha portato in dono un nuovo diario di viaggio, bello più dell'altro, e così siamo ufficialmente ormai entrati nel conto alla rovescia per  il prossimo giro alle Isole Ioniche e al Peloponneso: speriamo di tornare all'Opificio Zappa per presentate anche il tour 2017.
E domani stasera di replica a Peveragno (Cuneo) presso il Ristorante-Pizzeria il Tucano: a presto!

P.S. L'interessante resoconto della serata sul blog di Marco Nolberti.